Vini Biologici

Vini Biologici

I vini biologici tendono a essere privi di residui di fitofarmaci e materiali impiegati nella lavorazione, privi di sostanze aggiunte in fase di vinificazione ed imbottigliamento, mantenendo il più possibile intatto il valore nutritivo del vino stesso. La vendemmia viene fatta nel periodo ideale di maturazione, compatibile con l’andamento stagionale. La scelta e la selezione delle varietà sono fatte per creare vini con qualità fisiche ed organolettiche diverse. Ciò perché non si vuole intervenire con prodotti enologici violenti come bentoniti, carboni e acidi. Durante la macerazione e lo svinamento viene effettuato un uso limitatissimo dell’anidride solforosa (solfiti); per le uve rosse non se ne fa uso, per quelle bianche l’aggiunta si fa dopo la limitata macerazione nella quantità minima al solo scopo di evitare alterazioni. Si rende naturalmente necessaria la massima attenzione e cura in tutte le fasi della vinificazione, nonché un controllo serio sia chimico che microbiologico.

… O BIODINAMICO

L’agricoltura biodinamica si basa su un’idea di agricoltura in sintonia con la natura. Bisogna mantenere equilibrato in modo naturale il terreno con tutti i suoi organismi per ottenere “da viti sane uva di alta qualità”. Nella biodinamica è fondamentale la cura delle risorse naturali e favorire, secondo direttive esatte, i processi vitali come risultato dell’agire insieme di forze terrene e cosmiche. Nella pratica questo vuol dire che nell’agricoltura biodinamica non vengono utilizzati – come neanche in quella biologica – prodotti di sintesi chimica (concimi, fitofarmaci, diserbanti). Si somministrano dei preparati naturali ottenuti da processi fermentativi, decotti e minerali, come la polvere di quarzo. Si lavora il terreno secondo metodi tradizionali (arare con il cavallo, non con il trattore!) e letamare. Tutto questo con l’obiettivo di rigenerare e rivitalizzare il suolo. Il calendario lunare viene seguito anche in cantina per i travasi e l’imbottigliamento. Di solito non vengono aggiunti dei lieviti. L’enologo elabora l’uva sana e maturata bene e non ricorre ad interventi fisici o chimici; il mosto fermenta con i propri lieviti autoctoni. Dalla viticoltura biodinamica non necessariamente si ottengono vini migliori, dipende sempre dall’enologo, da che cosa riesce a creare, dal potenziale dell’uva. Sembra però che i vini ottenuti da uve di agricoltura biodinamica siano caratterizzati da una grande vivacità e da un colore intenso. Ogni annata è diversa in quanto forte espressione dell’ambiente d’origine: il vino esprime veramente il territorio.

VINO PER I VEGANI

Per produrre un vino vegano è vietato l’impiego di qualsiasi “chiarificante” o “filtrante” di origine animale, come ad esempio l’albumina d’uovo, la caseina o i caseinati, che possono, invece, essere impiegati nelle produzioni “vegetariane” e nelle produzioni convenzionali.

What client say?

Lorenzo Gaborini

email@me.com

stella-1stella-1stella-1stella-1stella-1
Personale veramente esperto e competente....fantastico

Lema Trifido

me2@me.com

stella-1stella-1stella-1stella-1stella-1
Grande scelta di vini, birre e altro. Gentilissimi!

Pierluigi Castiglioni

me3@me.com

stella-1stella-1stella-1stella-1stella-1
Cortesia competenza ottimi prezzi.

Sabine Reinecke

me4@me.com

stella-1stella-1stella-1stella-1stella-1
Als buitenlander, nauwelijks Italiaans spratend, zeer klantvriendelijk geholpen en met de auto vol met heerlijke wijn weer vertrokken.

Federico Trevisan

me5@me.com

stella-1stella-1stella-1stella-1stella-1

Flavio Ginocchio

me6@me.com

stella-1stella-1stella-1stella-1stella-1

jingang xi

me7@me.com

stella-1stella-1stella-1stella-1stella-1